20LUG08- Tour de France

Il 20 Luglio il Tour de France svalicherà in Italia e arriverà a Prato Nevoso. I riferimenti della 15^ tappa sono:

http://www.letour.fr/2008/TDF/COURSE/fr/1500/etape_par_etape.html

Non possiamo perdere questa occasione, tanto più che l’arrivo di tappa in salita è proprio vicino al Rifugio UCAM di Frabosa Soprana.

PROGRAMMA

SABATO 19 LUGLIO

Ritrovo ore 10.00 a Borgo S.Dalmazzo inizio SS21 della Maddalena. Si va con le proprie auto, uscita Mondovi – Cuneo – Borgo S.Dalmazzo

Percorso in bici: Borgo S.Dalmazzo – Vinadio – Colle della Lombarda – Discesa verso S.Anna di Vinadio – spuntino – ritorno alle macchine. Sono 100 KM e 1500m di dislivello

Trasferimento Borgo S.Dalmazzo Rifugio UCAM di Frabosa in macchina

Fare riferimento al seguente file per individuare punto di ritrovo e percorso:

Colle della Lombarda.doc

Cena e pernottamento in Rifugio UCAM di Frabosa

DOMENICA 20 LUGLIO

Colazione in rifugio.

Partenza in bici o a piedi per Prato Nevoso a vedere l’arrivo della Tappa del Tour: Prato Nevoso si può raggiungere o da Frabosa o da Fontane, da decidere al momento. Si potrebbero lasciare le macchine già pronte a fondo valle per evitare la sera la salita verso il rifugio.

http://www.pratonevoso.com/enjoy-estate/tour-de-france/come-raggiungerci/percorsi-alternativi-e-consigliati.html

CRONACA

E’ andato tutto come da programma. Ci siamo ritrovati al casello di Mondovi e poi alle 9.45 eravamo già in bici a Borgo S.Dalmazzo pronti ad affrontare il micidiale Colle della Lombarda. Già nel tratto pianeggiante iniziale si è visto che le gambe di Roberto e di Bruno avevano qualche “cavallo” in più. A Vinadio iniziano i 22 Km di salita, e che salita: la pendenza media dei primi 10 km è del 9% e non lascia respirare poi finalmente c’è un “pianoro”, anzi sembra un pianoro epoi si riprende. Le mie gambe proprio non girano: rimango indietro e comincio a pensare che non posso farcela: al bivio per S.Anna decido di girare. Sono solo 2 Km ma in questo tratto si fanno quasi 200m di dislivello!! Finalmente arrivo al Santuario e posso bearmi del panorama e della fresca fontana. Intanto gli altri sono giunti sul Colle della Lombarda: Roberto arriva primo in 1h e 32′ un buonissimo risultato per i nostri standard.  Dopo un pò siamo di nuovo tutti riuniti con le gambe sotto il tavolo a rifocillarci. La discesa è velocissima e ci si rende conto di quanto pende quando si mollano i freni!!. Al termine della discesa troviamo Moreno che “non ha letto il blog….” perchè se no sarebbe venuto con noi…Bisogna sempre leggerlo il Blog!!! Alle macchine siamo raggiunti da un canadese con una bici che peserà 30 kg, che si era fatto il Colle della Lombarda e che a quel modo aveva già girato mezza Europa…

Serata in rifugio accolti da Sergio (come gli piace la stufa e il fuoco di legna!!) e signora, Vittorio, Daniela con figlie. spaghetti aglio, olio e peperoncino, carne, macedonia, dolce, caffè. Tutto fatto fuori in un batti baleno. Spettacolo finale e poi tutti in branda.

Al suono della campana tutti pronti per la colazione ipercalorica e via per la giornata del Tour: tutti a Prato Nevoso chi in bici chi in seggiovia.

Noi lasciamo le macchine a Monastero Vasco e andiamo incontro a Carlo e Giorgio provenienti dalla Val Corsaglia. Walter intanto fa un pò di esperienza sulle colline intorno. Confronto a ieri la cosa oggi è molto più semplice anche se la salita di Parto nevoso non è poi proprio una passeggiata. Saliamo che c’è già un sacco di gente ai bordi della strada accampati da chissa quanto. In cima arriviamo che c’è la nebbia poi fortunatamente sparisce. ci troviamo un postto proprio a 200m dall’arrivo e approfittiamo di un fuoco acceso per asciugarci la maglie zuppe di sudore: è qui che veniamo immortalati dal reporter del Secolo XIX nello stesso momento che scatto la foto io (mi si vede appena il braccio sulla destra)

1f1bcc5414c15d1f74eb6f76ce6e2085.jpg

Poi inizia la lunga attesa, condivisa con una coppia di ragazzi australiani, anche loro subito coinvolti nella caccia ai gadget lanciati dalla incredibile carovana pubblicitaria.

Finalmente si sentono le notizie dei corridori e …. inizia a piovere. Lo zio Idalgo dalla Svezia, ci tiene aggiornati sull’andamento della corsa: ecco i primi che passano tra due ali di folla urlante poi distaccato di alcuni minuti il gruppo della maglia gialla poi dopo gli altri e le macchine con le bici e le staffette e altri ancora…..

In una ventina di minuti è tutto finito: la gente comincia con difficoltà a scendere o a salire, chi a piedi chi in bici, chi in macchina, chi in camper: un fiume di 12km…

Con le bici ci divincoliamo bene e sul rettilineo di Monastero bruciamo le ultime energie in una divertente garetta di velocità con un gruppetto della Olmo.

P.S.: Le foto sono in Foto Album e ho aggiornato anche la classifica con queste due ultime uscite. Continueremo a fare i giri, ma riprenderemo il conteggio dei punti dal 7 Settembre, per non penalizzare quelli che non possono partecipare perchè in vacanza.

Giacomo Parodi

20LUG08- Tour de Franceultima modifica: 2008-07-01T22:50:00+02:00da parodi54
Reposta per primo quest’articolo

4 pensieri su “20LUG08- Tour de France

  1. Oggi bellissima uscita a tre, che non farà classifica, ma sicuramente fa allenamento per sabato prossimo, visto l’arrivo a Pratonevoso.
    Magnano, Carlesso e il sottoscritto con partenza da Arquata, su per la Val Borbera fino a Cantalupo, svolta a sinistra e salita a strappi al passo del Giarolo. Discesa a San Sebastiano Curone, un caffe e velocissimo trenino fino a Tortona (40/44 km/h). Ancora in fila indiana con cambi regolari (30/35 km/h) su SS 35 fino ad Arquata. 92 km a 28 di media.
    Vediamo di organizzare un bel fine settimana tra Frabosa e Tour. Io, Walter Persano, Roberto Carlesso, saremmo per partire sabato mattina di buon ora con le macchine in modo da sfruttare la giornata per un giro in bici, magari qualche bel passo: Roberto propone la Lombarda. Ciao a tutti.

  2. Fine iscrizioni.
    In macchina siamo:
    1 – Parodi, Carlesso
    2 – Rela, Persano, Varacca
    3 – Mondadori
    Appuntamento a Borgo S.Dalmazzo per la pedalata. Portiamoci qualcosa da mangiare, poi integriamo a S.Anna.
    Il tempo dovrebbe essere mediamente buono ma in montagna è sempre bene avere la mantella.

    A – Pinna, Piccinini e mogli vanno direttamente al rifugio
    Daniela è già al rifugio con altri

    Oggi pomeriggio vado con Sergio a comprare cibarie per Sabato sera, Domenica mattina e qualcosa per portarci al sacco per domenica pomeriggio.

    Ricordatevi che per dormire in rifugio occorre portarsi lenzuola o sacco a pelo e federa (+cerata se avete qualche problema!!)

    Buona Gita

Lascia un commento